mercoledì 27 maggio 2015

Liebster Award 4.0 - Nomination da parte di N'AVEMU PI TUTTI




Sono stata nominata per la seconda volta! Che bello! Ovviamente avendo già scritto l’articolo su Liebster Award 


ho piacere a rispondere alle domande poste da N’AVEMU PI TUTTI (che ringrazio per la nomination) e che sono le seguenti:

1)Come è nato il nome del tuo blog?
Per caso e perché mi è piaciuto subito. E’ noto ed arcinoto come “motto” ma non l’avevo ancora visto in giro perciò me ne sono appropriata subito!

2)Qual è l’azienda con la quale ti sei trovata meglio a collaborare?
Sono tante le aziende con le quali ho collaborato e con le quali mi sono trovata bene. Posso dire praticamente tutte. Molto cordiali ed alcune anche generose… non potrei fare un nome ma come minimo 50. Quella che ricordo con più affetto è Pane Pema che mi ha sempre seguito anche con le email e mi ha spinto ad aprire una pagina facebook.

3)Sei soddisfatta di quello che sei e che fai nella vita o avresti voluto fare altro?
Ovviamente avrei voluto fare altro. Non posso dire di essere totalmente insoddisfatta perché in fin dei conti ho una bellissima famiglia, un tetto che copre la mia testa e tanti amici e parenti che mi vogliono bene ma il lavoro non è quello che avrei voluto fare. Desideravo essere una giornalista. Poi però solo il pensiero di dover frequentare l’università mi ha bloccata. Sono una timida cronica, da paura! Ho perso tante occasioni a causa della timidezza ed ora ne pago le conseguenze.

4) Qual è la colonna sonora della tua vita?
Sicuramente Total Eclipse Of The Heart di BONNIE TYLER. L’ascoltavo da piccola, da adolescente, da ragazza, da adulta e la ascolterò anche da vecchia. Mi batte il cuore ogni volta che la sento


5) Qual è il luogo più bello che hai visitato?
Quando ero più giovane ho girato tanto! Dai 20 anni fino ai 35 ero sempre in giro per l’Europa e ho visitato tante città italiane. Tantissimi sono i luoghi che mi hanno affascinato e che porterò nel cuore ma l’unico che non dimenticherò mai è il mio paese natio che si trova in Svizzera. Altri posti bellissimi sono Malaga e Vienna.

6) Hai mai trovato difficoltà a gestire il blog?
Assolutamente no per fortuna. Blogspot è molto intuitivo ed ho imparato subito. Ho qualche difficoltà ora con la legge sui coockies ma ho un’amica fantastica che sta provvedendo a mettermi in regola.

7) Cosa ritieni sia importante avere per essere blogger?
In questi mesi ho sentito varie teorie.
C’è chi sostiene che tutte possono essere blogger e che non ci vogliono grandi capacità per esserlo e c’è chi sostiene che solo poche possono definirsi tali. Io non so se posso definirmi blogger. E’ da solo 8 mesi che lo sono e se faccio una autoanalisi so che non valgo moltissimo. Vorrei avere una più vasta quantità di vocaboli da utilizzare, una più ampia capacità di spiegare attraverso le mie parole le mie opinioni, una maggiore cultura e soprattutto una maggiore influenza sugli altri. Vorrei saper coinvolgere i lettori e spingerli a tornare a trovarmi… ma ovviamente non ci riesco.

8) Qual è la tua abitudine quotidiana di cui non potresti fare a meno?
Dare il buongiorno a mia figlia sbaciucchiandomela per 10 minuti e darle la buonanotte allo stesso modo :)

9) I tuoi amici e la tua famiglia cosa pensano del fatto che hai un blog?
La mia famiglia mi sostiene; mio marito all’inizio ha avuto delle difficoltà nell’accettare il fatto che stessi fino a notte tarda a scrivere recensioni ma ha capito che era l’unico momento della giornata in cui potevo farlo. La mattina al lavoro, il pomeriggio con lui e nostra figlia, mi rimaneva solo la notte. E continua ad essere così. Mia figlia si vanta perché alle maestre dice che ha una mamma blogger e quando loro poi le chiedono che cosa significa lei sta lì ore a raccontare gli arrivi della settimana. Tutti gli altri sono contenti per me e devo dire che c’è un amico di famiglia (in particolare di mio marito) che mi ha sempre spronata, fin dall’inizio, fin dalla mia prima idea quasi campata in aria. Ha gioito con me al primo pacco ed è ancora così a distanza di mesi.

10) Come esprimi la tua femminilità?
What femminilità? Cos’è questa strana parola? La femminilità non mi appartiene. Hanno sempre detto che sono delicata nei modi, alcune volte sensuale ma so perfettamente che la femminilità è altro. Recita il dizionario della lingua italiana:
Complesso di qualità e caratteristiche fisiche e psichiche proprie della donna.
Prendo spunto da una definizione che mi ha colpita: “E' la donna nel suo fiorire, nel suo essere se stessa al pieno della natura, sicura, potente, affascinante, seducente, profumata, bellissima, morbida ma incisiva, flessuosa ma dura.” Ecco io mi sento così solo quando sto bene con me stessa e forse lo sono stata veramente poche volte in vita mia. Ho sempre pensato di essere bruttina perciò mi sono sempre nascosta non portando alla luce tutte le qualità sopra descritte.

Ringrazio davvero tanto “N’avemu pi tutti” per la nomination e vi do la buonanotte

9 commenti:

  1. Buongiorno, ti sei descritta in un modo facilissimo! Seguo il tuo blog e pagina facebook da poco, come ti ho già detto tante volte ti trovo una persona molto simpatica, allegra,gentile ma sopratutto VERA......secondo il mio parere scrivi benissimo, facile da capire e con passione.....baci buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tante Rosy. Parole come le tue danno la voglia di continuare. Grazie

      Elimina
  2. Innanzitutto grazie mille per aver risposto alle nostre domande!! Mi ha fatto molto piacere conoscere qualcosa di te...che sei timidona un po' si nota ma questa è una caratteristica che ci accomuna! :) Però su un punto non sono affatto d'accordo..tu dici: "Vorrei saper coinvolgere i lettori e spingerli a tornare a trovarmi… ma ovviamente non ci riesco"...Scherzi?? Io trovo i tuoi articoli e i tuoi post sempre interessanti,sai coinvolgere il lettore e non sei mai prolissa. Mi piace come scrivi e saresti stata una brava giornalista!
    Inoltre...tu bruttina??? ahahahahahah!!! So cosa significa sentirsi insicure,ma credimi secondo me sei davvero una bella donna, non sono parole di cortesia ma lo penso veramente! <3
    E poi Martina che racconta alle maestre degli arrivi mi fa troppo morire dal ridere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Valentina, le tue parole mi rincuorano. Certe volte non so mai se sono all'altezza o meno, poi, grazie a Dio vedo i risultati e continuo per la mia strada. Per quanto riguarda Martina avrei tanti aneddoti da raccontarti ma te ne voglio dire uno per tutti. Ovviamente, marginalmente riguarda il mio mondo perchè ha a che fare con quello che vede quasi quotidianamente...
      Ti ricordo che lei ha sei anni e quando è successo non li aveva ancora compiuti e sapeva a malapena leggere.
      Mi stavo asciugando i capelli e mia figlia se ne viene con un quaderno in mano, x metà coperto da un foglio e mi fa: "Carmen Romina Longo? C'è un pacco x lei. Mi mette una firma?" ed io sempre x gioco accetto e firmo. Poi le domando: "ma Martina non è che hai preso un quaderno di scuola no?" e lei scappa via dicendo "no no mamma non ti preoccupare" e già quando dice così mi devo iniziare a preoccupare... Vado e le prendo il quaderno e lei inizia a piangere... "mamma non sapevo come dirtelo. La maestra mi ha messo una nota e so che devi firmarla. Incavolata nera mi metto a leggere."Gentilissima signora Longo, volevo complimentarmi con lei per l'ottimo lavoro svolto con sua figlia. Martina è stata l'unica a dirmi la poesia a memoria e siccome non riesco mai ad incontrarla volevo farglielo sapere. Sicura di averle detto una cosa gradita la saluto con la speranza di vederla presto". Quella furba di mia figlia, non sapendo ancora leggere bene aveva pensato che fosse una nota e x non farmela leggere aveva trovato la scusa della pagina coperta e del gioco del corriere per farmela firmare!!! Ed io mi chiedo: se già in prima è riuscita quasi a fregarmi, più in là che si inventerà?

      Elimina
    2. No ma vabè tua figlia è troppo forte..che furbetta!! Mi sa che se ti frega adesso che ancora è piccolina chissà più in là mia cara!! :)

      Elimina
  3. Mi è piaciuto molto l'articolo,lo sai perché??? Perché mi trovo nelle tue parole in qualche parole mi sento come lo avessi scritto io! Il fisico e importante perché ti senti più sicura, ma si vede ché non sei solo bellissima, ma la cosa che mi piace di più nelle persone e la semplicità di essere e di fare. A me questo mi trasmetti!! Poi tutti sbagliamo nella vita!!Poi la famiglia e la cosa più importante che ti da la forza di andare avanti!! ♥♥★★★

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, cara, sempre e comunque. Avere una famiglia unita significa molto per me! Ed hai compreso perfettamente il mio essere; semplice e schietto. Questa sono io! Grazie per essere passata

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Wow. Leggo ora la seconda nomination con molta soddisfazione, e spero ce ne sia una terza, e una quarta ed una quinta, ti conosciamo meglio di volta in volta, e se non spingerà questa tua bella personalità ad attirare l'attenzione dei visitatori non so cos'altro potrebbe!!

    È strano sentirti dire che non ti vedi come in realtà ti vediamo noi, una bellissima donna che alla sua età non ha nemmeno una ruga sul viso, che pur avendo partorito non troppi anni addietro ha un figurino come fisico. Purtroppo quando si ha una immagine di sé è difficile vedere la realtà ma sappi che quella sopra descritta ti appartiene. Ne troverai conferma nelle parole delle altre donne. Infondo noi si sa, difficilmente scambiamo complimenti, non è nella nostra indole di "femmine", quando capitano queste rarità vanno prese per buone.

    Sono sempre contenta quando leggo che il tuo sogno era fare la giornalista. Resto ancora più contenta leggendo l'entusiasmo di Martina, non è da tutti avere una mamma Blogger e la sua felicità e orgoglio nel dirlo a tutti è impagabile! Chissà che non sproni lei in futuro a diventare una giornalista?
    In un certo senso lo sei comunque, perché scrivi sempre, per il piacere e gusto di farlo. E lo fai bene, correllata da una grammatica e sintassi perfetta. Dici che vorresti avere più cultura, ma questa non ti manca. Ho visitato blogs di gente laureata che scriveva un obbrobrio dopo l'altro, da accapponare la pelle. La cultura è ciò che noi scegliamo di conoscere, e ad ogni recensione il tuo bagaglio aumenta e con te il nostro. Dopotutto il termine ignoranza nella sua radice deriva solo da chi ignora, chi sceglie di non conoscere. Chi porge le spalle.

    RispondiElimina