domenica 31 luglio 2016

COSI' COM'E' - DATTERINI ROSSI CON CALAMARETTI, ZUCCHINE E....



Riprendo con piacere a parlarvi dei pomodori Così Com’è (la 1^ recensione la trovate a questo LINK) e a presentarvi una ricetta che vi farà leccare i baffi. Per questo piatto ho utilizzato il datterino rosso al naturale che, dal gusto dolce e succoso, è ideale sia per piatti senza cottura utilizzandolo negli spiedini o con mozzarella e basilico oppure cotto con ortaggi, molluschi o ingredienti vari. È ideale anche per guarnire e insaporire piccoli snack e finger food.
Ho preparato una ricetta presa dal web e che mi è piaciuta tanto
PASTA, DATTERINI ROSSI, ZUCCHINE, GAMBERETTI E PESTO DI PISTACCHI
Per due persone occorrono:
200 gr. di pasta (preferibilmente corta)
3 zucchine piccole
10 datterini rossi Così com’è
120 gr di gamberetti sgusciati
120 gr di pesto di pistacchio Bacco (per chi non avesse il vasetto pronto basta veramente poco - si preprara un trito di pistacchi appena scottati e si aggiungono basilico, grana e scorza di limone)
1 spicchio d’aglio
un po’ di peperoncino
sale e olio extra vergine d’oliva


Fate un soffritto con olio, aglio e peperoncino poi unite le zucchine tagliate a rondelle e fatele appassire per 5 minuti. Versate i datterini, salate, 


aggiungete un po’ di acqua se necessita e dopo altri 5/8 minuti aggiungete i gamberetti. Dopo aver scolato la pasta al dente unitela al composto e aggiungete il pesto di pistacchi. Una vera squisitezza!


Buon appetito!


lunedì 25 luglio 2016

TROLLEY BAGS - TANTO TEMPO RISPARMIATO!



Ho trovato un oggetto di una praticità unica. Spesso non si fa caso a quanto può essere utile tenere nella propria auto un prodotto del genere. A me capita di arrivare al supermercato e di ricordarmi all’ultimo minuto di non aver portato con me una o due shopper per la spesa e inevitabilmente mi tocca chiedere le buste di plastica alla cassa, aumentando così il conto e portandomi a casa buste che poi non utilizzo più. Con questa nuova scoperta ho risolto il problema. Si tratta delle


In pratica sono 4 borse riutilizzabili che si aprono a ventaglio e si allungano in posizione verticale nel carrello della spesa. 


Arrivano chiuse e unite fra di loro da una fascia di velcro e si possono posizionare al gancio del carrello o dentro. 




Fra di loro sono unite da altre fasce di velcro ed hanno colori e dimensioni diverse. 



In definitiva perché sono utili? Avete fatto caso che le ormai superate buste di plastica si rompono facilmente? Queste invece sono resistenti e sicure. Dalla più grande alla più piccola, sistemate nel carrello, ci danno la possibilità di riempirle ognuna di esse con prodotti che fanno parte della stessa categoria. 


La prima, più capiente, può contenere, ad esempio, bevande o flaconi di detersivo, la seconda generi alimentari, la terza solo surgelati e la quarta, più piccola di tutte, magari prodotti per l’igiene. Comodissime per chi salta le file alle casse usando lo scanner ed ancora più utile una volta a casa, quando si deve riporre la spesa al loro posto. Sapremo velocemente quale borsa portare vicino al freezer e quale in bagno, quale in cucina e quale ancora in lavanderia. Tra di loro si staccano facilmente ed ancora più semplice è posizionarle in macchina perché una volta separate risultano essere delle semplici borse della spesa.

Io ho scelto le Trolley Bags Original Pastel ma si può optare anche per le Vibe, dai colori più accesi 

e per le trolley per carrelli più piccoli.

 

Allora che ne pensate? Non è un’idea geniale per farci risparmiare tempo? Io non ne posso più fare a meno ormai. Vi lascio il link del sito dove poterle visionare ed acquistare e quello della loro pagina Facebook

SITO TROLLEY BAGS


PAGINA FACEBOOK

venerdì 22 luglio 2016

NOVELLA CONSERVE ALIMENTARE - LA SICUREZZA DI MANGIARE SANO



È mia coetanea ma non dimostra affatto 46 anni! E’ un’azienda attiva, intraprendente, al passo con i tempi e svolge con accurata attenzione l’attività di lavorazione di prodotti vegetali destinati all’invasettamento e alla commercializzazione.
Oggi vi parlerò di


Lavora, trasforma, vende e commercializza in confezioni di vetro e vaschette di funghi, carciofi, olive, antipasti, capperi, cipolle, peperoni, cetrioli, melanzane, pomodori, mare. Tutto con la massima attenzione alla selezione della materia prima e alla sua provenienza. 


Io ho avuto il piacere di poter provare carciofi grigliati Bio e pomodori secchi Bio. 


Buonissimi in tutte le stagioni, lo sono ancor di più in estate, quando la voglia di stare ai fornelli ci abbandona ed il caldo ci induce ad accendere il meno possibile forni e fornelli. 



La soluzione a tutti i nostri problemi sono questi vasetti, il cui contenuto condiscono panini e piatti freddi o accompagnano piatti di antipasti e contorni da leccarsi i baffi.  Prodotti di prima qualità, sapori ineguagliabili e profumi che escono fuori all’apertura del vasetto ci hanno fatto desiderare con bramosia il momento di cenare.
Siamo pugliesi e sulla nostra tavola non possono mancare le frise... che, condite con i prodotti Novella sono il massimo! 


Questi e tanti altri prodotti li trovate su NOVELLA CONSERVE e non potete non mettere anche il like alla loro pagina FACEBOOK dove troverete anche buonissime ricette.


mercoledì 20 luglio 2016

COSI' COM'E' - POMODORI SUCCULENTI IN VASETTI



Ho ricevuto questa bellissima collaborazione da un po’ di tempo ma solo ora riesco a presentarvi questa Azienda e i suoi buonissimi prodotti come si deve.
Stasera vi parlerò di 


Da 25 anni si dedica alla vendita di verdura, in particolar modo del pomodoro. Cresciuta fino ad arrivare ad avere 2000 dipendenti, 300 ettari coltivati e ubicati  nella piana del Sele (in prov. di Salerno) e circa 40.000 tonnellate di ortaggi freschi, ora si dedica alla commercializzazione dei suoi prodotti anche all’estero.
Datterini gialli, rossi e pomodori pizzutelli racchiusi in vasetti di vetro, pronti per essere gustati e preparati in svariati modi per gustosissime ricette. In succo, al naturale, intero e passato, il pomodoro entra nelle nostre case come appena raccolto.


Appena abbiamo scartato il pacco, mio marito mi ha chiesto di fargli un piatto tipicamente salentino e che lui ama in modo particolare. 


Ho pensato di aprire immediatamente il vasetto di datterini al naturale per preparargli “i pummidori scattarisciati” Nel nostro dialetto la parola scattarisciato significa “scoppiato” ed ora vi vado a spiegare il semplicissimo metodo di cottura. Per preparare i “pummidori scattarisciati" occorrono, oltre i pomodori anche un po’ di capperi, origano, tanta cipolla (io avevo quella bianca di Lisbona), sale ed olio extra vergine di oliva.


In una padella si mette a scaldare l’olio, la cipolla e si versano i pomodorini integri, ben lavati e lasciati ad asciugare. 




Si copre con il coperchio, si porta a fiamma viva e si attende circa 10 minuti. Dopodiché si aggiungono i capperi e l’origano e si copre di nuovo per altri 10 minuti. 


A quel punto i pomodori inizieranno a scoppiare e a rompersi e saranno pronti per essere gustati così (con una fetta di pane o sulle frise) o come condimento per la pasta.


Vi invito a visionare il loro sito e a mettere il like alla loro pagina Facebook. Prestissimo un’altra ricetta con questi squisiti prodotti